Dietro le quinte di CasaPound

“Domani quei fascistelli di CasaPound scenderanno in piazza per la loro rievocazione della “Marcia su Roma” in miniatura.
 
Una trovata di grande impatto, se pensiamo alle altre iniziative della loro campagna elettorale a Roma:
 
– Presidi dinanzi i centri d’accoglienza;
– Passeggiatine nei Campi Rom;
– Buttare Coca-Cola su dei fumetti.
 
Inoltre dopo degli scontri avvenuti in Piazza Vittorio, dove CasaPound aveva messo il suo banchetto con i soliti contenuti, Di Stefano aveva giurato di andare con 1500 uomini a dar fuoco e radere al suolo tutti i centri sociali.
Insomma, stiamo parlando di veri e propri statisti.
 
Il problema è che questi torbidi uomini che predicano odio e violenza potrebbero pure prendere il 2%.
Il problema è che alcuni giovani credono in queste idee.
Il problema è che sono dei completi idioti e hanno un minimo di seguito.
 
Lentispesse domani sarà idealmente in piazza con tutti i ragazzi dei Centri Sociali e delle associazioni antifasciste.
Non possiamo accettare queste rievocazioni storiche, specie se pensiamo alla morte e alla distruzione che il fascismo ha fatto piombare sull’Italia.
 
E non venite a parlarmi delle paludi.”
Casapound è diventato un movimento molto forte, a Bolzano rischia di governare la città e statisticamente sta raccogliendo consensi in tutta la nostra penisola.
Io sono un antifascista convinto, non sopporto la loro ideologia e le loro iniziative, però ho deciso di studiare da vicino il loro mondo, perché tutti ne parlano e tutti sanno dell’esistenza di Casapound ma pochi ne conoscono il programma. Questo scritto sopra era un post che il sottoscritto voleva fare sulla pagina del Blog, in riferimento all’ultima trovata del gruppo di estrema destra, mi sono reso conto però che fosse sbrigativo e lacunoso parlarne solo così, pertanto ho deciso di andare sul sito di Casapound Italia e mi sono messo a leggere il loro programma, a detta loro salvifico per la nostra nazione. Si può fare tranquillamente un “best of” delle stronzate presenti, non posso farmi mica scappare una tale occasione.
Ritorno al passato. Ecco questo è il principale obbiettivo di Casapound, già dall’introduzione del programma questa volontà di un ritorno alle origini balza subito agli occhi con questo passaggio:”Noi vogliamo un’Italia libera, forte, fuori tutela, assolutamente padrona di tutte le sue energie e tesa verso il suo avvenire. Un’Italia sociale e nazionale, secondo la visione risorgimentale, mazziniana, corridoniana, futurista, dannunziana, gentiliana, pavoliniana e mussoliniana.”
Complimenti eh, davvero tanti complimenti.
Mi sono letto tutto il programma e ho deciso di estrapolare le cose più belle, aggiungendoci ogni tanto qualche nota, per puro divertimento.
  • “Ritorno allo spirito della Legge Bancaria del 1936, con la separazione tra banche di 2 deposito, banche di credito e banche d’affari, la distinzione tra credito a breve, medio e lungo termine e il divieto di creare moneta scritturale dal nulla, secondo le proposte del premio Nobel Maurice Allais” – Il sistema bancario auspicato da Casapound è stato sorpassato, dato che per entrare nell’Unione Europea il nostro vecchio sistema, figlio proprio di quello del 1936, è stato cambiato e ammodernato. Quindi pensate senza questo cambiamento in che situazione saremmo oggi;
  • “Politica autarchica integrata nell’area europea, con una partnership privilegiata nei confronti della Federazione Russa e la riproposizione di una politica mediterranea sovranista” –  Si, l’Impero Romano è vivo e lotta insieme a noi, tutta quella faccenda della globalizzazione è solo una diceria, tranquilli;
  • “Blocco dei flussi immigratori” – Vabbè, è scontato;
  • “Sospensione degli Accordi di Schengen e ratifca di un nuovo trattato che regoli la libera circolazione interna all’Ue in base a criteri più stringenti dal punto di vista sociale, economico, politico e culturale. Non può esistere, in Europa, un “terzo mondo interno” che esporti schiavi e delinquenti verso le zone economicamente più avanzate del continente” – Il nostro mondo a loro non piace, perché concetti come la libertà che appaiono scontati anche ad un bambino non sono conoscibili e apprezzabili da tutti;
  • “Rifondazione culturale dell’Umanesimo del Lavoro, secondo l’ispirazione fondamentale di Giovanni Gentile” – Gentile era un amicone del Duce, che aveva descritto il fascismo come un ideale salvifico per la cultura e la società in Italia;
  • “Nazionalizzare tutto” – Eh, basti pensare che ci hanno salvato le Privatizzazioni;
  • “Ritorno all’energia termonucleare” – E i Referendum? Ah, giusto, dimenticavo che a voi le elezioni non piacciono;
  • Edilizia pubblica stile Ventennio che cancelli dalle nostre città gli obbrobri pseudo/architettonici di stile sovietico realizzati da costruttori democristiani e architetti comunisti al solo scopo di mortificare l’essere umano, creando disagio e ghetto;
  • Aumento delle ore di educazione fisica del 150%. Palestre e strutture sportive all’avanguardia e uguali in tutti gli istituti;
  • Rilancio della cinematografa italiana in sinergia con le principali cinematografie europee fino a proporre concorrenza culturale alla mitologia hollywoodiana;
  • “Depenalizzazione di tutti i reati ideologici, associativi e d’opinione” –  Praticamente il reato di Apologia del Fascismo, bellini;
  • Ripristino della geopolitica degli “anni Trenta” verso il Mediterraneo e l’Oceano Indiano;
  • Ripristino della leva obbligatoria per tutti, uomini e donne al compimento del 18 anno di età. Il servizio può essere svolto nelle forze armate o nella protezione civile. Non devono essere previsti rinvii scolastici oltre il diploma. Il servizio militare deve essere un servizio operativo armato sul modello svizzero con richiami quinquennali di addestramento fino al compimento del 45° anno di età;
  • L’Italia non deve avere limitazioni su nessun sistema d’arma: dalle portaerei alle armi nucleari;
  • Sostituzione del Senato con una Camera del lavoro che garantisca la rappresentatività armonica di tutte le categorie produttive e lavorative. La sua funzione sarà legislativa e consultiva in merito a tutte le tematiche del lavoro: rappresentanza sindacale, difesa ed applicazione dei contratti collettivi, sostegno alla produzione nazionale, programmazione economica.

La pericolosità di questo movimento fanatico neo fascista è evidente.

Creano terrore e su quello marciano, perché altrimenti non avrebbero motivo di esistere, loro lavorano dietro la suggestione di poter rimettere in piedi un giorno il regime fascista di Mussolini, non è un intento velato: nel programma, come dimostrato sopra, ci sono continui riferimenti indiretti e diretti al regime.

Le dichiarazioni sempre aggressive, le grafiche e le azioni, come la Marcia di domani, sono continui tentativi di far rinascere nelle menti dei più disattenti questo sentimento di odio e di forte nazionalismo che alimenta il fuoco stesso del movimento, che è il presupposto primario affinché si possano aggregare persone intorno a questo ideale.

Anche il logo stesso, la tartaruga, ha una pagina dedicata nel sito.

Logo CasaPound.png Per spiegarne la grandezza e i significati che questa ha con il regime:” La tartaruga è anche chiamata tortuga o testudo. In entrambi i casi ci ricorda situazioni insite nella   nostra cultura. Nella Tortuga, gli ultimi uomini liberi del mare nascondevano i propri tesori, nella formazione romana chiamata appunto Testudo l’esercito di Roma dimostrò la sua grandezza conquistando il mondo allora conosciuto, dimostrando che la forza quando scaturita da un ordine verticale   e da un principio  gerarchico è  destinata a dominare le  barbarie, anche se in numero inferiore.”

I militanti sono organizzatissimi, il movimento si dirama capillarmente in ogni ambito e in ogni parte d’Italia per fare proseliti: dalle Università e nelle scuole con “Blocco Studentesco” alle associazioni ambientaliste, dovunque c’è una qualche realtà legata a CasaPound Italia.

Ci sono anche una Radio e una Web Tv che lavorano per dare eco alle loro idee.

Sono pericolosi, molto pericolosi. Basti pensare che i Nickname di alcuni suoi sostenitori sono Himmler o Goebbels per farvi capire, nel forum sono continui i richiami ad un nuovo Duce che possa liberare e salvare l’Italia.

Per farvi capire meglio la portata distruttrice del Fascismo chiudo così, con la stima delle vittime dello stesso fatta dall’ANPI:

I 42 fucilati nel ventennio su sentenza del Tribunale Speciale.

Coloro che subirono 28.000 anni di carcere e confino politico.

Gli 80.000 libici sradicati dal Gebel con le loro famiglie e condannati a morire di stenti nelle zone desertiche della Cirenaica dal generale Graziani.

I 700.000 abissini barbaramente uccisi nel corso della impresa Etiopica e nelle successive “operazioni di polizia”. I combattenti antifascisti caduti nella guerra di Spagna.

I 350.000 militari e ufficiali italiani caduti o dispersi nella Seconda Guerra mondiale.

I combattenti degli eserciti avversari ed i civili che soffrirono e morirono per le aggressioni fasciste.

I 45.000 deportati politici e razziali nei campi di sterminio, 15.000 dei quali non fecero più ritorno.

I 640.000 internati militari nei lager tedeschi di cui 40.000 deceduti ed i 600.000 e più prigionieri di guerra italiani che languirono per anni rinchiusi tra i reticolati, in tutte le parti del mondo.

I 110.000 caduti nella Lotta di Liberazione in Italia e all’estero.

Le migliaia di civili sepolti vivi tra le macerie dei bombardamenti delle città.

Quei giovani che, o perché privi di alternative, o perché ingannati da falsi ideali, senza commettere alcun crimine, traditi dai camerati tedeschi e dai capi fascisti, caddero combattendo dall’altra parte della barricata

 

Viva l’Italia Libera, Viva l’Antifascismo.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...