#1MaggioTaranto

Dopo ogni edizione del Primo Maggio a Taranto, torno a casa molto felice, non solo per lo spettacolo della parte musicale infatti si sono avvicendati sul palco Caparezza,Subsonica, Marlene Kuntz, Mannarino e moltissimi altri, mica male eh?Principalmente sono felice di costatare che la mia terra è incazzata, perché non ne possiamo più delle industrie portatrici di morte. Il palco ha dato voce per tutto il giorno a uomini e donne che hanno raccontato storie di malattie, di legalità, di integrazione, di denuncia. Trecentomila persone, provenienti da tutte le zone d’Italia, hanno invaso il Parco Archeologico,ne è nata una protesta colorata, una rivendicazione rabbiosa e allo stesso tempo spensierata contro sessanta anni di ingiustizie che hanno dilaniato Taranto e decimato famiglie. Cantando e ballando, in maniera civile, niente a che fare con quel manipolo di idioti, chiamati anche Black Bloc, che nelle stesse ore hanno messo in scena violenza e distruzione nel centro di Milano.

Complimenti agli uomini e alle donne del “Comitato cittadini e lavoratori liberi e pensanti” che senza sponsor, lavorando sodo per molti mesi, hanno messo in piedi un evento migliore degli altri proposti a livello nazionale,anche del tradizionale concertone di Piazza San Giovanni a Roma, organizzato dai sindacati, dunque con la possibilità di investire più soldi e anche con la cospicua sponsorizzazione da parte di Eni,un grottesco controsenso insomma. Ogni anno oramai i Tarantini hanno con il Primo Maggio l’occasione di alzare la voce, hanno l’occasione di rivendicare una vita ingiusta, piena di morti ingiustificabili, di sofferenza e di difficoltà economiche, e la gente si rispecchia in questa gente, la vede molto più vicina dei sindacati. Per questo si assiste sempre ad un successo assicurato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Taranto continua a lottare, perché come ha detto qualcuno del Comitato: “l’Ilva deve essere ricordata come un piccolo cancro nero all’interno del meraviglioso patrimonio archeologico e naturalistico del territorio”.

TARANTO LIBERA.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...