Essere Matteo Salvini è uno schifo

Le differenze sembrano alquanto evidenti.
Le differenze sembrano alquanto evidenti.

Agrigento

Mi sono sempre chiesto come deve essere vivere e pensare come Matteo Salvini. Mi sono immedesimato nel personaggio e ho stilato una lista di motivi per i quali essere Matteo Salvini è uno schifo.

  • Ogni giorno Matteo Salvini si sveglia e deve comunicare al mondo la stessa cosa in 140 caratteri, cambiando le parole. E i sinonimi scarseggiano.
  • Deve parlare con Borghezio e Calderoli.
  • Deve mettere in risalto i valori tradizionali della famiglia in questa società corrotta: dopo due figli con tre donne diverse, un divorzio e un figlio fuori dal matrimonio.
  • Perché il verde è maledettamente fuori moda.
  • Perché ha l’appoggio mediatico di Feltri, Barbara D’Urso e Alfonso Signorini. Non propriamente simili ad Indro Montanelli
  • Perché gli ultras non pagano la SIAE per “Vesuvio lavali col fuoco”.
  • La prima moglie era pugliese ma lui ha sempre dovuto sostenere che le orecchiette con le cime di rapa fanno schifo.
  • Perché è stato sconfitto dialetticamente anche da Balotelli, non un Nobel insomma.
  • Sicuramente Agrigento è più carina di Pontida.
  • Tifa Milan e si vede Muntari capitano, tutti lo odiano insomma.
  • Ha dovuto sopportare le riunioni con Bossi e il diciottesimo del Trota.
  • Bere acqua del Po fa male, però fa più effetto di una bottiglia di Jack.
  • In giro vede solo Kebabbari e nemmeno un rivenditore di Bagna Cauda.
  • Perché non è bello trovarsi addosso tutto il mercato dell’ortofrutta in ogni posto che vai a visitare.
  • Perché fingere tristezza e sgomento per la morte dei migranti è terribilmente difficile.
  • Perché sui social è seguito solo da invasati con il BLOC MAIUSC sempre attivo.
  • Perché se incontra gli elettori è costretto a bere una quarantina di grappini dalle sei del mattino.
  • Si è laureato con difficoltà, ha studiato l’Inglese ma si trova costretto ad andare a ripetizioni di Bergamasco stretto per prepararsi all’incontro con i grandi elettori.

Ogni sera, dopo una giornata difficile Matteo Salvini indossa il pigiamino verde e dopo aver ringraziato le divinità celtiche di averlo fatto nascere italiano, si addormenta con il sorriso contando le pecore che lo sostengono.

Annunci

One Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...